Fumetti

Le migliori anteprime fumettistiche – Marzo 2018

Dopo quasi due mesi di inattività voglio iniziare il mio 2018 sul blog inaugurando una serie di articoli semplici, ma che mi permetteranno di essere costante nella pubblicazione e (spero) avere più contatti e scambi di opinioni con voi. Infatti a partire da oggi, all’inizio di ogni mese, troverete su questo blog il riassunto di quelle che secondo me sono le uscite fumettistiche più interessanti annunciate sui vari cataloghi. Non sono propriamente consigli (perché ovviamente non posso ancora averli letti), e non é detto nemmeno che li comprerò tutti (le risorse economiche, si sa, sono sempre un problema)… insomma, sapete quando si dice “non giudicare un libro dalla copertina”? Ecco, in questa rubrica faccio esattamente quello!

Continua a leggere “Le migliori anteprime fumettistiche – Marzo 2018”

Annunci
Fumetti, Le Muse dell'Aedo

Intervista ad Amélie Fléchais

Dopo aver presentato le sue opere e averle dedicato una piccola gallery, é finalmente tempo di conoscere Amélie. Senza troppo indugiare passiamo subito alle domande. A dopo per le conclusioni!

Continua a leggere “Intervista ad Amélie Fléchais”

Fumetti, Illustra Storie

Una piccola gallery su Amélie Fléchais

L’arte di Amélie mi ha colpito sin dalla prima occhiata: é delicata e intrisa di un’atmosfera fiabesca, capace di emozionare. Quindi oggi ecco una piccola gallery in attesa dell’intervista all’autrice, che uscirà la prossima settimana. Enjoy!

Fumetti, Le Muse dell'Aedo

Amélie Fléchais e l’Illustrazione per Bambini.

E’ bello leggere e scrivere recensioni di ciò che si legge, ma certe volte si rischia di perdere di vista chi sta dietro a queste opere: l’autore. Proprio per questa ragione, grazie alla nuova programmazione del blog, durante l’anno cercherò di portavi con me alla scoperta non solo di opere, ma anche di persone, unendo recensioni, interviste e gallerie di immagini dedicate alle storie analizzate. La prima scelta é ricaduta su un’autrice francese, Amélie Fléchais, per cui Tunué ha pubblicato tre opere. Andiamo ad analizzarle brevemente.

Continua a leggere “Amélie Fléchais e l’Illustrazione per Bambini.”

Fumetti, L'Aedo Opinionista

Se Tutti gli Editori Avessero un Blog…

Qualche tempo fa abbiamo parlato dei mezzi che un editore ha a disposizione per far arrivare comunicazioni chiare e precise ai propri lettori riguardo al proprio catalogo. Oggi vorrei riaprire il caso e analizzare più a fondo come gli editori potrebbero (e dovrebbero) sfruttare un mezzo fortissimo: il blog.

Continua a leggere “Se Tutti gli Editori Avessero un Blog…”

Fumetti, Illustra Storie

Shaun Tan e l’Illustrazione

La settimana scorsa abbiamo parlato del messaggio che Shaun Tan ci vuole trasmettere con La Cosa Smarrita. Oggi, invece, focalizzeremo il discorso sullo stile di disegno e sulla personalità dell’autore, cercando di conoscere più in profondità le sue tecniche e le sue idee riguardanti il fumetto e l’illustrazione.

Continua a leggere “Shaun Tan e l’Illustrazione”

Fumetti, Le Muse dell'Aedo

Shaun Tan smarrisce le cose…

Shaun Tan é indubbiamente un grande fumettista, e più in generale un grande artista sia della narrazione che dell’illustrazione. Un annetto fa non si faceva altro che parlare dell’arrivo (in realtà del ritorno) della sua opera principale, L’Approdo. Se ne é parlato tanto, e oggi non siamo qui per questo. Qualche mese dopo infatti, la casa editrice Tunué pubblica nella stessa collana un’altra sua opera che passa un po’ inosservata, ma che personalmente mi ha colpito di più. Sto parlando de La Cosa Smarrita.

Continua a leggere “Shaun Tan smarrisce le cose…”

Fumetti, L'Aedo Opinionista

Se tutti gli editori avessero un catalogo…

Prendendo spunto da recenti avvenimenti, con l’articolo di oggi vorrei parlarvi più approfonditamente di qualcosa che avevamo già accennato nell’articolo dedicato al mercato editoriale italiano (che puoi leggere qui). In particolare vorrei presentarvi la mia idea di come secondo me un editore dovrebbe comunicare con i propri lettori.

Continua a leggere “Se tutti gli editori avessero un catalogo…”